• Regione Lombardia vanta un patrimonio di 600mila ettari di boschi e foreste, che coprono quasi un quarto della superficie territoriale regionale. Di questi, 23.000 ettari sono proprietà demaniale della Regione e sono chiamate "Foreste di Lombardia".
    Rappresentano un sistema unitario di territori ricchi di boschi, pascoli, acque, suoli, flora e fauna, fabbricati ed elementi architettonici che nel loro insieme conservano e tutelano beni primari e fondamentali per la vita delle popolazioni locali e per il benessere della collettività regionale.

     

La storia

Le Foreste di Lombardia si sono formate nel corso dei secoli, in base ad acquisizioni degli Ordini Monastici, della Repubblica di Venezia, dello Stato dei Grigioni, dell'Impero Austro-Ungarico, del Regno e della Repubblica Italiana, e costituiscono un prezioso e insostituibile patrimonio naturale e culturale, fattore di equilibrio biologico ed elemento di tutela del territorio, forma e identità al paesaggio, spazio per il lavoro e lo svago dell'uomo e culla di quelle tradizioni che hanno contribuito a formare nel tempo il tessuto sociale e culturale lombardo.

I principi di gestione

ERSAF, ha fra le sua finalità istitutive la gestione e la valorizzazione del demanio forestale regionale.
ERSAF si propone di attuare i principi sanciti dalla Carta delle Foreste di Lombardia, che dal 2004, sono stati sottoscritti con Regione Lombardia e successivamente con la maggior parte dei Comuni delle Foreste di Lombardia.In occasione di tale ricorrenza si è ritenuto opportuno sottolineare questo evento con la formalizzazione di impegni per la gestione futura delle Foreste Demaniali Regionali "Foreste di Lombardia" orientati ad attualizzare e concretizzare i principi di buona gestione forestale e territoriale del patrimonio forestale regionale gli orientamenti gestionali di ERSAF alla luce delle nuove e più ampie attese della società nei confronti delle risorse naturali.Lo strumento di tale processo è individuato nella redazione del documento sintetico che evidenzia in modo semplice, ma chiaro e forte, principi ed orientamenti di gestione su cui impegnare l'attività e le risorse.

I programmi di attuazione

Per giungere alla necessaria visione unitaria e ad un approccio gestionale basato sulla partecipazione di tutti i portatori d'interesse, pubblici e privati, proprietari e utenti è stato concretizzato il "Contratto di Foresta".Inoltre è stato predisposto il "Piano di Assestamento Forestale Semplificato delle Foreste di Lombardia" con periodo di validità 2009-2023.
Carta delle Foreste di Lombardia

Per una gestione sostenibile e durevole delle Foreste e degli Alpeggi Demaniali Regionali

Nel 2004 è ricorso il trentennale del trasferimento da parte dello Stato alla Regione delle proprietà silvo-pastorali del Demanio Forestale.

 Trent’anni sono solo una piccola porzione di tempo nell’arco di vita di una foresta e quindi la gestione regionale non ha ancora avuto modo di esprimersi per un ciclo intero di quello che può esser ritenuto lo spazio temporale di rinnovazione di un bosco.

 Tuttavia trent’anni sono un periodo sufficiente per impostare piani e programmi di attività e realizzare interventi che, anche nel breve e medio periodo, hanno una loro rilevanza e significato e che, comunque, nel lungo periodo svolgono certamente un ruolo determinante nel condizionare lo sviluppo del bosco.

In occasione di tale ricorrenza si è ritenuto  opportuno sottolineare questo evento con la formalizzazione di impegni per la gestione futura delle Foreste Demaniali Regionali  “Foreste di Lombardia” orientati ad attualizzare e concretizzare i principi di buona gestione forestale e territoriale del patrimonio forestale regionale gli orientamenti gestionali di ERSAF alla luce delle nuove e più ampie attese della società nei confronti delle risorse naturali.

 Lo strumento di tale processo è individuato nella redazione di un “Carta delle Foreste di Lombardia”, documento sintetico che evidenzia in modo semplice, ma chiaro e forte, principi ed orientamenti di gestione su cui impegnare l’attività e le risorse.

Tale documento, è stato oggetto di atto formale e di sottoscrizione da parte del Presidente della Regione, in qualità di proprietario, e del Presidente ERSAF, in qualità di gestore, in occasione della serata di celebrazione dei trent’anni di gestione regionale delle Foreste di Lombardia svoltasi a Milano il 27 ottobre 2004, nell’ambito della settimana “Foreste di Lombardia in città”.

 GRUPPO DEI GARANTI

Come previsto dagli impegni contenuti nella “Carta delle Foreste di Lombardia”, ERSAF ha istituito il Gruppo dei Garanti ed ha approvato il regolamento attuativo con delibera n.II/450 del 31/01/2006.

Il Gruppo dei Garanti verifica periodicamente il rispetto e l'attuazione degli impegni sottoscritti ed esprime il parere di valutazione riguardo alla attività di gestione delle Foreste di Lombardia, che ERSAF illustra in una Relazione Annuale.

 Anno 2006: Valutazione della attività

Anno 2007: Valutazione della attività - Relazione sulla attività

Anno 2008: Valutazione della attività - Relazione sulla attività

Anno 2009: Valutazione della attività - Relazione sulla attività
Anno 2010: Valutazione della attività - Relazione sulla attività

Anno 2011: Valutazione delle attività anni 2011 e 2012 - Relazione sulle attività

Anno 2012: Relazione sulle attività

Anno 2014: Relazione sulle attività


La “Carta delle Foreste di Lombardia” è intesa quindi quale orientamento condiviso e formale sulle politiche di gestione delle proprietà oltre a costituirsi come prodromo alle procedure di certificazione di gestione sostenibile delle foreste ed infine essere uno strumento di comunicazione con il pubblico per rendere trasparente e diffuso il proprio operato gestionale. 

Pianificazione

PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE SEMPLIFICATO DELLE FORESTE DI LOMBARDIA

Tra le finalità istitutive di ERSAF vi è la gestione e la valorizzazione del demanio forestale regionale.

Al fine di gestire in maniera unitaria questo patrimonio è stato predisposto il “Piano di Assestamento Forestale Semplificato delle Foreste di Lombardia” con periodo di validità 2009-2023. 

Esso svolge le seguenti funzioni:
Piano di assestamento ai fini della pianificazione forestale, redatto ai sensi della Legge Forestale Regionale n. 31/2008;
 Misure di conservazione per le aree SIC e ZPS di Rete Natura 2000, da cui la maggior parte delle Foreste è interessata, ai sensi della DGR 08.08.2003 n° 14.106 all. B.;
Piano di gestione ai fini della certificazione di gestione forestale, in accordo con gli Standard FSC®  di Buona Gestione Forestale per l’Arco Alpino Italiano e i Criteri di Gestione Forestale Sostenibile dello schema PEFC-Italia.
Il Piano è stato positivamente sottoposto a Valutazione Ambientale Strategica (VAS) con Conferenza di Verifica e Valutazione in data 27 maggio 2009 e, dopo aver avuto incidenza positiva con decreto della Direzione Generale Qualità dell’Ambiente della Regione Lombardia n. 5549 del 4 giugno 2009, è stato adottato con decreto ERSAF II/1248 del 25 giugno 2009. Infine, è stato approvato dalla Giunta Regionale con deliberazione n. VIII/10.822 del 16 dicembre 2009.
Nel 2015 è stato predisposto un Aggiornamento del PAFS con la triplice funzione di includere nella pianificazione nuove acquisizioni effettuate nell’area della Gardesana Occidentale, aumentare la ripresa della foresta Val Gerola e fornire alcuni approfondimenti relativi alla foresta Val Grigna, in seguito alla sua uscita dall’elenco delle foreste SLIMF (foreste di piccole dimensioni o a bassa intensità di prelievo). L’Aggiornamento è stato approvato da ERSAF con decreto n. 575 del 17.07.2015, ha ottenuto il Nulla Osta - relativamente alla foresta Val Gerola dal Parco Orobie Valtellinesi in data 24.07.2015 ed è stato infine approvato dalla Giunta Regionale con deliberazione n° X/4347 del 20.11.2015.Il Piano è costituito dai seguenti documenti, alcuni dei quali modificati ed integrati in seguito all'aggiornamento 2015 del PAFS:

A) Relazione tecnica e relativi allegati:

- All. 1 - Schede descrittive delle macroparticelle

- All. 2 - Riepiloghi di piano

- All. 3 – Cartografia (Carte delle Macroparticelle; Carta delle tipologie forestali; 

  Carta degli habitat secondo Natura 2000; Carta della viabilità e dei 

  miglioramenti; Carta degli elementi ad alto valore di conservazione)

- All. 4 - Registri e indicatori per il monitoraggio

- All. 5 - Regolamento di applicazione del Piano 

 

- All. 6 - Approfondimenti specifici per la Foresta Val Grigna 

 

 

 

B) Misure di conservazione relative a specie ed habitat 

 

 

 

Per soddisfare un requisito PEFC introdotto nel 2011, è stata redatta una sintesi del Piano .

 

Monitoraggio delle Foreste di Lombardia

Annualmente le Foreste di Lombardia sono oggetto di un monitoraggio interno, secondo quanto previsto dalla certificazione forestale conseguita nel 2009 con gli Standard FSC®  di Buona Gestione Forestale per l’Arco Alpino Italiano e dallo schema PEFC-Italia di certificazione della Gestione Forestale.

Gli aspetti indagati (indicatori) sono definiti nel Piano di Assestamento Forestale Semplificato delle Foreste di Lombardia, insieme alla relativa metodologia e tempistica. Gli indicatori sono sia di carattere ambientale che sociale ed economico. La maggior parte di essi è rilevata per ciascuna Foresta tranne in qualche caso: ad esempio per alcuni indicatori di tipo sociale, in cui si fa riferimento a contesti più ampi, come le sedi operative ERSAF che hanno in gestione le Foreste stesse.

I dati provengono da fonti diverse, le più comuni delle quali sono il Piano di Assestamento e i registri ad esso allegati.

Gli indicatori sono compilati dal personale delle sedi operative per le Foreste di propria competenza e quindi riuniti in un documento di sintesi.

L’analisi e la valutazione del monitoraggio annuale consente di definire strategie e modalità operative di efficacia sempre maggiore e di verificare l’adeguatezza degli strumenti di pianificazione in vigore.

 

 

 

Foresta Regionale Val Masino

 

 Rapporto 2009 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia

 

   Rapporto 2010 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2011 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2012 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2013 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2014 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2015 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

 

   Rapporto 2016 sul monitoraggio delle Foreste di Lombardia 

go to top