clicca per ritornare alla modalità grafica


REGIONE LOMBARDIA: Benvenuti nel Portale Internet dell'ERSAF(Ente Regionale per i Servizi all' Agricoltura e alle Foreste)


clicca per un aiuto alla navigazione per consultare l'elenco completo delle access key


Benvenuto nel portale Internet dell'ERSAF - clicca per andare alla home page
motore di ricerca
HOME » Sistemi verdi e territorio rurale | Boschi di pianura

10 Grandi Foreste di Pianura e Fondovalle

 

In applicazione delle tre grandi convenzioni internazionali relative ai cambiamenti climatici e alla biodiversità, il progetto “10 grandi foreste di pianura e di fondovalle” sottolinea la capacità del bosco di produrre legno e biomasse, assorbire CO2, contrastare la presenza di polveri nell’aria, assicurare un processo di fitodepurazione, migliorare il microclima e, infine, garantire la formazione di un nuovo paesaggio attraverso la diversificazione del reddito agricolo. Il progetto, che si formula nel 1999 nella Direzione Generale Agricoltura della Regione Lombardia, prevede la trasformazione di 35 ettari di aree ad alta naturalità, con forte valore fruitivo e paesaggistico in 10 grandi foreste. Da allora 8 sono state già finanziate di cui 7 sostanzialmente realizzate. Inoltre, il progetto originario ha avuto un seguito ben più ampio con il programma “10.000 ettari di nuovi boschi e sistemi verdi” avviato nel 2006.

In Lombardia, gli anni Settanta e Ottanta sono stati dedicati alla difesa degli elementi naturali del territorio, mentre negli anni Novanta ci si è posti il problema se l’ambiente non dovesse e potesse essere ricostruito anche di fronte a una riduzione del bosco naturale al 4 % del territorio e dei filari e delle siepi a un decimo della dotazione storica anteguerra
della campagna lombarda. Il progetto “10 grandi foreste di pianura e di fondovalle” nasce a fine 1999 in seno alla Direzione Generale Agricoltura della Regione Lombardia, senza legge di riferimento né copertura finanziaria, ma con alle spalle una solida sperimentazione culturale, tecnica e gestionale in situazioni esemplari le cui eccellenze sono rappresentate dal Bosco in città di Italia Nostra, dal Parco Nord Milano, dal Bosco delle Querce di Seveso e Meda. Nasce anche in un momento di forte valorizzazione dell’agricoltura multifunzionale e sostenibile che riconosce un ruolo
fondamentale alla forestazione e ai sistemi verdi agricoli. La proposta risponde anche all’applicazione delle tre grandi convenzioni internazionali relative ai cambiamenti climatici e alla biodiversità, per la capacità del bosco di produrre legno e biomasse, di assorbire CO2, contrastare la presenza di polveri nell’aria, assicurare un processo di fitodepurazione, migliorare il microclima e garantire la formazione di un nuovo paesaggio attraverso la diversificazione del reddito agricolo.

Il progetto, supportato dalle università di Milano e Pavia, si è sviluppato coralmente nell’ambito delle amministrazioni regionali e provinciali e del mondo agricolo. La proposta prevede la trasformazione di aree significative di almeno 35 ettari in ambiente ad alta naturalità, ma anche con forte valore fruitivo e paesaggistico, secondo i seguenti criteri generali progettuali e gestionali:

 

  • progettazione interdisciplinare, condivisa e flessibile riferita a scenari strategici di area vasta;

  • 70 % a bosco permanente, 30% ad attività compatibili;

  • servizi e infrastrutture per l’accesso, la fruizione, la vigilanza e il controllo;

  • densità ottimale di 1000 piante arboree e più di 1000 piante arbustive autoctone;

  • definizione della gestione futura con il coinvolgimento del mondo agricolo;

  • definizione di un piano di monitoraggio.

 

Nel 2002 il progetto diviene realtà con una prima approvazione regionale e un primo cofinanziamento della Fondazione Cariplo. Alla data attuale il progetto ha avuto uno sviluppo migliore del previsto con il finanziamento di 8 grandi foreste di cui sette sostanzialmente realizzate. Sono stati interessati 404 ettari di cui 324 a bosco, con la messa a dimora di 470.000 piante e la realizzazione di 56 chilometri di piste ciclabili.
Il finanziamento complessivo è di 18,9 milioni di euro, di cui 8 a carico del Fondo infrastrutture regionale, 5,65 della Direzione Generale Agricoltura- Ministero agricoltura e foreste, 3,37 di altri enti pubblici, 1 di privati e 0,88 della Fondazione Cariplo. Il progetto ha avuto un seguito ben più ampio con il programma “10.000 ettari di nuovi boschi e sistemi verdi “ avviato nel 2006, nell’ambito del quale sono già stati finanziati oltre 1500 ettari di sistemi verdi multifunzionali in aree strategiche anche periurbane.

 

 

 

 

Il Bosco della Besozza

 

Il Bosco delle Querce

 

La Foresta della Carpaneta


 
Data ultima modifica 16/12/2010
Condividi su FaceBook Condividi su Google condividi: Stampa la pagina Invia a un amico visualizza il Qr Code


ERSAF : Indirizzo Via Pola, 12 – 20124 Milano tel. (+39)02.67404.1 fax (+39)02.67404.299 P.Iva 03609320969
             e-mail : info@ersaf.lombardia.it    P.E.C. ersaf@pec.regione.lombardia.it